top of page

I Test di valutazione funzionale: Test di Gacon

I test di valutazione funzionale nel calcio : Test di Gacon

L'argomento di oggi è dedicato a uno dei test valutativi in ambito condizionale più utilizzati nel panorama calcistico professionistico e non, stiamo parlando del test di Gacon. Il test di Gacon segue un protocollo incrementale massimale di tipo intermittente, ovvero prevede tratti di corsa di 45'' seguiti da 15'' di pausa con progressivo aumento della distanza da percorrere nei successivi step (aumento di 6,25 m).

A cosa serve il test di Gacon ? Quali indicazioni ci fornisce al fine della nostra programmazione ?

Il test di Gacon ci permette di conoscere la VAM (Velocità Aerobica Massimale) dei nostri giocatori, individuabile attraverso la velocità mantenuta nell'ultimo step prima della conclusione del test, indirettamente come vedremo nelle prossime righe è possibile conoscere anche la VO2max (Massimo Consumo d'ossigeno). Conoscendo la VAM dei nostri atleti sarà possibile impostare in sede di programmazione le distanze da percorre nelle varie proposte di tipo intermittente , ma sopratutto permetterà di suddividere la squadra in diversi gruppi di lavoro in base ai valori di VAM ricavati dal test.

Attenzione è importante precisare che il test di Gacon non prevede cambi di direzione dunque la VAM ricavata è utile per impostare lavori di tipo intermittente ma di tipo "lineare" dunque senza cambi di direzione o di senso .


Protocollo

E' possibile eseguire il test su un campo da calcio o pista d'atletica leggera, occorre un tracciato sonoro o eventualmente un assistente scandirà il tempo attraverso un fischietto, mentre per la parte materiale occorrono 16 -18 coni totali con 2 colorazioni differenti per segnalare i vari step. Disegnare un'area di lavoro come mostrato in figura, gli atleti iniziano percorrendo il primo tratto di 125 m in 45'' quindi partendo da una velocità di 10 km/h, successivamente seguirà una fase di recupero di 15'' dove l'atleta avanzerà verso

il cono successivo (aumento della distanza di 6,25 m), a seguito l'atleta percorrerà la distanza di 131,25 m in 45'' e così via fino a quando l'atleta non riuscirà a ricoprire la distanza in 45''.

E' possibile testare 6-7 atleti alla volta.





Come calcolare la VAM ...

Dopo aver descritto nel dettaglio il protocollo esecutivo andiamo ad esaminare la procedura per poter ricavare la VAM (è opportuno precisare di tipo intermittente) a seguito del test eseguito sul campo.

L'estrapolazione dei risultati è molto semplice e immediata, per avere il valore di VAM del nostro atleta basta consultare la tabella a lato, dove dopo aver individuato l'ultimo step eseguito dal nostro giocatore basterà scorrere in orizzontale la riga corrispondente per avere il valore desiderato.

Esempio : se il nostro atleta si è fermato al 14° step, scorrendo la tabella possiamo definire il valore di VAM a 16,50 km/h.

Mentre per calcolare la Vo2Max il calcolo da eseguire sarà:

VO2Max = VAM X 3,5 ( valore fisso )

quindi seguendo l' esempio Vo2Max = 16,50 x 3,5 = 57,80 ml/mn/kg

Dopo aver estrapolato il valore di VAM di ogni singolo atleta sarà possibile programmare la nostra seduta di tipo intermittente dividendo la squadra in gruppi omogenei in base ai risultati del test.